"Non riusciamo a capire quando abbia avuto un trauma"

Il Mutismo Selettivo è un disturbo d’ansia, che non ha origine traumatica.

In presenza di un trauma la diagnosi sarebbe diversa ed il mutismo selettivo risulterebbe secondario, non primario od esclusivo.

Non ci sono, dunque, cause di tipo traumatico.

Spesso si crede che ci siano stati episodi a scuola, legati al comportamento dell’insegnante o di altri compagni; oppure si ritiene che qualche comportamento “forte”della famiglia possa aver provocato il disturbo.

In realtà il mutismo selettivo è un disturbo d’ansia di origine biologica, ove le componenti del temperamento soggettivo e dell’ambiente circostante possono amplificare il problema, ma non esserne la causa esclusiva.

Solitamente c’è una storia di familiarità con il mutismo selettivo; almeno uno dei due genitori ha sofferto dello stesso disturbo in passato. C’è familiarità con i disturbi d’ansia in genere, quindi

dall’anamnesi emergono vissuti di ansia all’interno della famiglia: genitori, nonni, zii hanno possono presentare problematiche legate all’ansia, come ad esempio: attacco di panico, fobia, ansia generalizzata.

È importante che anche la famiglia impari a gestire l’ansia, nelle sue varie forme, per poter aiutare il bambino in questo percorso.